Vai al contenuto principale
Blog

Cosa caratterizza un frutto, una verdura?

frutta e verdura

In generale, la maggior parte delle persone conosce la differenza tra un frutto e una verdura. Tuttavia, non sanno bene perché uno è un frutto e l'altro è una verdura.

In realtà, ci sono alcuni frutti che possono dare adito a dubbi e non si sa dove collocarli tra queste tre categorie. Ad esempio, sapreste dire se un pomodoro è un frutto o una verdura? Continuate a leggere questo articolo per risolvere questo dubbio. 

Frutti, cosa li caratterizza?

Secondo il Codice Alimentare Spagnolo (Código Alimentario Español (CAE)), una frutta è definito come "il frutto, l'infiorescenza, il seme o le parti carnose degli organi fioriti che hanno raggiunto lo stadio di maturità e sono adatti al consumo umano".

Dal punto di vista agricolo, i frutti si distinguono per alcune caratteristiche che li differenziano da altri prodotti vegetali:

  • Origine floreale: I frutti si formano dall'ovario fecondato di un fiore, si originano dalla fioritura di una pianta e sono il risultato di un'impollinazione riuscita.
  • Presenza di semi: Anche se ci sono delle eccezioni, la maggior parte dei frutti contiene al suo interno dei semi, che sono fondamentali per la riproduzione della pianta e vengono spesso mangiati e diffusi dagli animali. 
  • Dolcezza e gusto gradevole: I frutti tendono ad avere un sapore dolce, attraente per l'uomo e gli altri animali, caratteristica che è un adattamento della pianta per favorire la dispersione dei semi.
  • Varietà di forme e dimensioni: I frutti presentano un'ampia gamma di aspetto e dimensioni, dalle piccole bacche ai grandi meloni.

Verdure, come sono?

La definizione di verdure indica che si tratta di una categoria che comprende foglie, fiori, steli, germogli e frutti acerbi delle piante. Secondo la CAA, "gli ortaggi sono verdure la cui parte commestibile è costituita dagli organi verdi (foglie, fusti, infiorescenze)".

Si possono distinguere diversi tipi di verdure:

  • Verdure a foglia: Forniscono foglie commestibili e tenere, come bietola, lattuga, lattuga d'agnello, lattughino, spinaci, indivia.
  • Verdure a stelo: I suoi gambi teneri sono la parte commestibile, come nel caso degli asparagi.
  • Ortaggi a infiorescenza: Quelli di cui utilizziamo le giovani infiorescenze, come il cavolfiore o i broccoli.
  • Boccioli di verdure: I germogli sono la parte commestibile, come i carciofi o i cavoletti di Bruxelles.
  • Focolai: Prodotto dalla germinazione dei semi di cereali e legumi, in particolare dei germogli di soia o di erba medica.

Verdure, quali sono le loro caratteristiche?

"Gli ortaggi comprendono qualsiasi pianta erbacea orticola destinata all'alimentazione" (CAE), inclusi ortaggi, legumi e tuberi, ma esclusi frutta e cereali.

Non esiste un solo tipo di verdura, ma si possono suddividere diversi gruppi, poiché le persone consumano parti diverse di queste specie vegetali. Alcune di esse sono: radici, steli, foglie, frutti...

Perché è importante selezionare correttamente frutta e verdura in un impianto di post-raccolta e lavorazione?

L'errata classificazione di frutta e verdura in un impianto di post-raccolta e lavorazione può avere ripercussioni negative, soprattutto sulla qualità del prodotto. Ortaggi e frutta hanno caratteristiche fisiologiche diverse, come la frequenza respiratoria, la sensibilità all'etilene e la sensibilità al freddo. Pertanto, la manipolazione post-raccolta di questi alimenti deve essere differenziata per garantire la qualità del prodotto.

Seguiteci su social media!

Chiudere il menu
it_ITItaliano